Micron: ritiri licenziamenti e governo rafforzi piani investimento

Dichiarazione del coordinatore nazionale Gruppo Micron-StM Fim Cisl Nicola Alberta
Microelettronica: Micron ritiri i licenziamenti e governo rafforzi
i piani d’investimento

Si è tenuto oggi l’incontro presso il Ministero dello Sviluppo Economico per il settore Microelettronica presenti gli assessorati regionali per le attività produttive di: Sicilia, Lombardia, Abruzzo, Campania e Veneto, le organizzazioni sindacali nazionali di FIM, FIOM, UILM, UGLM e Fismic i Segretari territoriali e l’ANIE.
Il Ministero ha esposto il piano d’indirizzo complessivo su cui si svilupperà il “documento strategico nazionale” che definirà le linee guida per tutto il territorio nazionale su ricerca tecnologica, ricerca e sviluppo e manifattura nel settore della microelettronica per accedere ai fondi europei. Questo secondo il MiSE, però necessita la predisposizione di un quadro di “smart-specialization” specifico per ogni Regione che ne caratterizzi le filiera produttive e aree tecnologiche da valorizzare e su cui intervenire come ad esempio: l’automotive, automazione, la mobilità sostenibile ecc. Su queste linee il Governo si è impegnato quindi a raccogliere e coordinare i piani regionali per predisporre un Piano Strategico nazionale e riconvocare il tavolo per il prossimo mese di maggio.
Per Nicola Alberta coordinatore nazionale Fim Cisl: “è importante che finalmente anche nel nostro paese ci si preoccupi della politica industriale, questo presuppone però, come primo passo che si respingano i licenziamenti della Micron e le scelte di disimpegno della multinazionale americana dal nostro paese. I settori tecnologici di cui parliamo, sono sostenuti dalle grandi competenze professionali presenti in Itali e dalla ricerca e non possiamo permettere che queste vengano disperse. Accogliamo con favore la conferma sul controllo pubblico su StM, emersa nella discussione odierna, purché questa si traduca in rafforzamento dei programmi d’investimento nelle nuove tecnologie.”

Roma, 7 marzo 2014