SALVIAMO L’ELECTROSYS DI ORVIETO!

SALVIAMO L’ELECTROSYS DI ORVIETO!

Nel quadro regionale delle Aziende in crisi, quella della Elctrosys di Orvieto assume
giorno dopo giorno i connotati di una storia industriale che rischia ben presto di
vedere la parola fine nei titoli di coda.
La situazione difficile in cui versa il settore, il calo dei fatturati sono elementi noti
con i quali ci confrontiamo da mesi. Il mercato del broadcasting sta attraversando
una fase caratterizzata da incertezza a causa del passaggio dagli standard
analogici a quelli digitali, che sta facendo nascere concorrenti agguerriti in tutto il
mondo. La Fim Cisl, insieme ai lavoratori, decise di sostenere il percorso
dell’Azienda allorquando propose di cercare di consolidare il business nei settori
industriale, medicale e scientifico. Una scelta che per gli ultimi due settori sta
concedendo ottime prospettive. Senza dimenticare i rapporti con il Cern, Centro di
Ricerca per la Fisica delle Particelle Elementari di Ginevra.
Oggi la Fim Cisl decide di sostenere tutti coloro che vorranno trovare le strade utili
a mantenere il know-how espresso da maestranze qualificate nell’ambito di
un’Azienda che rappresenta, e dovrà continuare a rappresentare, un punto di
riferimento del territorio orvietano e del comprensorio umbro.
Al momento sono pochi gli elementi che ci consentono di ragionare in modo
compiuto dell’insieme di strumenti disponibili a sostegno degli eventuali
investimenti così come era stata annunciato dal management. Tuttavia stiamo
entrando in una fase nuova quanto decisiva dove occorre riporre la massima
attenzione e la capacità nell’essere lungimiranti nel prevedere in tempi brevi gli
sviluppi della situazione in un ambito di necessaria salvaguardia dei livelli
occupazionali e professionali definendo da una parte quelle sinergie che la
Direzione Aziendale da tempo propone attraverso l’ingresso di nuovi partner e
dall’altra promuovendo un progetto industriale sostenibile e credibile che
necessariamente dovrà essere condiviso e supportato dagli enti locali, a
cominciare dalla Regione, e dal credito.
Diventa altresì fondamentale che nei prossimi giorni siano promossi incontri con i
soggetti interessati al fine di definire il quadro complessivo per ragionare sul
futuro dell’Electrosys e del suo indotto.
Orvieto, 05 maggio 2014