FIOM: giù le mani dagli aumenti del Contratto Nazionale

La Fiom in questi giorni diffonde volantini in cui ricorda ai lavoratori Fiat che non è ancora stato firmato il CCSL mentre i lavoratori metalmeccanici delle aziende aderenti a Federmeccanica hanno avuto 45 € di aumento a gennaio ’14 e le aziende aderenti a Confimi lo hanno avuto a giugno ’14.
Ricordiamo che la trattativa Fiat per il rinnovo del CCSL è ancora in corso ed è in una fase complessa ma si sta lavorando per un intesa, anche con una Una Tantum o qualche altra forma di erogazione salariale che copra economicamente il 2014.
La FIOM oltre a ricordare ai lavoratori metalmeccanici Fiat che non hanno ancora ottenuto il rinnovo CCSL per il 2014 ricordi anche che l’aumento per i lavoratori delle aziende aderenti a Federmeccanica NON lo hanno ottenuto grazie alla firma della Fiom ma grazie alla FIM che contratta e fa gli accordi nazionali e aziendali!!la FIOM si appropria indebitamente di un risultato che non ha ottenuto,
ciò si chiama “millantato credito”, ovvero racconta frottole ai lavoratori
anche dal buon andamento delle elezioni delle RSU, senza l’1/3 delle nomine, ma eleggendo le RSU con il sistema proporzionale (una testa, un voto) la FIM viene premiata in tante aziende storicamente Fiom (Alenia Torino e Caselle, Elbi, Eaton Rivarolo).
Questo significa che i lavoratori pretendono e cercano un Sindacato che gli risolva i problemi e non “la metta sempre in politica”.
Un Sindacato meno ideologizzato ma più ideale e corrispondente ai problemi dei lavoratori, come la FIM-CISL.

Torino, 03 luglio 2014