Alcoa: la trattativa continua, non gettare la spugna

DSC_0021

Dichiarazione del segretario nazionale Fim Cisl Marco BENTIVOGLI
“Alcoa: la trattativa continua, non gettare la spugna,
ognuno faccia la sua parte”
Si tenterà un memorandum understanding condiviso con
Glencore, Klesh sempre più lontana

Si è appena concluso l’incontro tra Fim, Fiom, Uilm, il vice Ministro De Vincenti, il
presidente della regione Sardegna, Pigliaru.
Il vice Ministro De Vincenti, insieme al governatore sardo, ci hanno illustrato lo stato
delle interlocuzione con Klesh e Glencore.
Con Klesh il negoziato è in una fase di totale stallo, ad oggi avrebbe dovuto
presentare un piano finanziario contenete le disponibilità sul capitale circolante contenuto
nel piano e la lettera d’incarico a Pechiney per la validazione del restarting dello
stabilimento, ad oggi nulla di ciò è pervenuto.
Con Glencore il confronto è in corso di approfondimento sulla pluralità degli
strumenti ( super e normale interrompibilitá, contratto bilaterale decennale con un primario
gestore di energia indicizzato al prezzo del carbone, dell’LME, o entrambi gli indicatori)
che assicurino un costo dell’energia che garantisca la competitività dello stabilimento.
La realizzazione di un contratto di sviluppo sullo smelter, che con il contributo di
Invitalia agevoli il re-starting dello stabilimento.
Anche con Glencore la trattativa è in una fase delicata e nei prossimi giorni si
tenterà di gettare le basi per costruire un memorandum understanding che garantisca da
un lato le condizioni di offerta e dall’altro una lettera d’intenti da parte di Glencore che avvii
il negoziato con Alcoa e l’ipotesi di contratto bilaterale per l’erogazione dell’energia.
Alcoa continua a confermare di aver accolto già due proroghe per la tenuta in
manutenzione degli impianti, noi continuiamo a ribadire la necessità di non deteriorare gli
impianti assicurandone una minore copertura manutentiva che pregiudicherebbe,
operatività e onerosità del restarting.
La prossima settimana mercoledì 29 convocata presso il Ministero dello Sviluppo
Economico, la task force, con Fim,Fiom,Uilm, Regione Sardegna, Presidenza del
Consiglio, Ministro del Lavoro, per proseguire il confronto sull’evoluzione del negoziato.
Roma 23.07.2014