Campagna globale di solidarietà sconfigge gli attacchi anti-sindacali alla NXP nelle Filippine

internazionale

Campagna globale di solidarietà sconfigge gli attacchi anti-sindacali alla NXP nelle Filippine

Durante gli ultimi cinque mesi, la solidarietà sindacale internazionale ha dimostrato la sua forza a difesa delle persone occupate alla NXP nelle Filippine, vittime di molestie sul lavoro. La NXP è un’impresa transnazionale olandese del settore elettronico: produce semiconduttori.

Di fatto, grazie alla campagna di solidarietà, il sindacato filippino è riuscito a sconfiggere gli attacchi antisindacali dell’impresa e firmare un nuovo contratto collettivo in azienda con positivi risultati per i lavoratori.

Dei 24 attivisti sindacali licenziati a maggio dall’impresa, 12 sono stati reintegrati nel loro posto di lavoro e gli altri 12 hanno ricevuto un cospicuo indennizzo, che gli consentirà di lavorare a tempo pieno nel sindacato MWAP. Aumenti salariali del 12,25% e stabilizzazione a tempo indeterminato di molti lavoratori sub-contrattati in condizioni di precarietà assoluta.

La campagna locale del sindacato MWAP – con numerosi presidi davanti allo stabilimento della NXP, ha potuto contare molto sull’appoggio internazionale e manifestazioni di protesta a livello nazionale, promosse da tutti e 15 i sindacati filippini affiliati a IndustriALL.

Efficace è stata la campagna rivolta ai clienti di NXP, specialmente la Apple, che ha ricevuto più di 150mila petizioni e 14mila lettere ufficiali attraverso SumOfUs, che si lamentavano per la violazione di diritti del lavoro nella fabbricazione del nuovo iPhone 6. Anche LabourStart ha promosso una campagna facendo firmare e inviare una lettera di pressione al management di NXP.

Negli Stati Uniti (a Los Angeles e Chicago) ci sono state manifestazioni di protesta e solidarietà davanti agli Apple Store, organizzate dai nostri amici di United Students Against Sweatshops (USAS) con la partecipazione di attivisti e dirigenti sindacali degli Steelworkers USW.

Quando vi dicono “basta firmare appelli, petizioni ecc. tanto non servono a niente!”, voi non dategli retta!