“Renzi, lasci perdere i poteri forti, si allei con le forze del lavoro” – Video

RIPARTA IL DIALOGO SUL LAVORO [Furlan riparte dialogo su lavoro – Conquiste del Lavoro]

LE TUTE BLU SUONANO LA SVELGIA [Le tute blu suonano la sveglia – Il Tempo]

INDUSTRIA: FIM CISL IN PIAZZA, ‘DIAMO LA SVEGLIA ALLA POLITICA’ =

Furlan, la dignita’ del lavoratore deve tornare al centro

Roma, 30 set. (Adnkronos) – Tute blu della Cisl in piazza per chiedere una svolta a sostegno dell’industria. Sul palco, di fronte a Montecitorio, si sono alternate le rappresentanze sindacali dei metalmeccanici di tutta Italia, dalla Sicilia al Veneto, dall’Ilva alla Thyssen, passando per la Fiat. Raccontando storie di crisi aziendali, di ammortizzatori sociali finiti, di mobilità e di licenziamenti. Chiassosa e colorata, una platea di platea di almeno 1500 operai ha gridato ‘sveglia’ al governo e alla politica nella piazza antistante la Camera dei Deputati.

“La priorità non è l’Articolo 18, la priorità è il lavoro, gli investimenti e la crisi dell’industria, dobbiamo svegliare la politica e portarli a parlare dei veri problemi” ha scandito il segretario generale della Fim Cisl, Giuseppe Farina.

Approfondita l’analisi del segretario aggiunto della Cisl, Annamaria Furlan. “Se non si fanno investimenti nella ricerca e nelle tecnologia, se le Ferrovie dello Stato si fermano a Napoli, se la banda larga non sappiamo cosa sia, non possiamo andare avanti. E’ il coraggio che fa crescere il Paese. Ecco la vera rappresentanza del sindacato”, rilancia, chiedendosi: “qual è il piano energetico, per le infrastrutture e i trasporti del paese?”. E la risposta deve passare necessariamente per il lavoro. “E’ una risorsa, se mettiamo al centro la dignità del lavoratore e la dignità del lavoro è fatta”. Non solo. Vanno anche riconosciute le peculiarità di alcune categorie di lavoratori, a partire dai metalmeccanici. “Bisogna far capire al Governo che non tutti i lavori sono uguali, dobbiamo riconoscere che dopo i 60 anni non si può lavorare in una fabbrica”.