AGILE EX EUTELIA: PRESIDIO NAZIONALE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI

U6rgmeSwzIz3Kw1d_446x251

AGILE EX EUTELIA: presidio nazionale

delle lavoratrici e dei lavoratori

LUNEDì 10 NOVEMBRE 2014 – ore 10.30 c/o MISE


Le lavoratrici e i lavoratori di Agile ex Eutelia, il prossimo 22 dicembre 2014, arriveranno alla fine del percorso previsto sugli ammortizzatori sociali, saranno cioè licenziati dai commissari straordinari. Ad oggi ancora più di 700 lavoratori sono in CIGS in deroga, molti dei quali impegnati in rapporti di lavoro a tempo determinato o in lavori socialmente utili (presso i tribunali, le amministrazioni provinciali etc.).

Ciò significa che durante il periodo di ammortizzatori sociali e ancora oggi non sono stati con le mani in mano ma hanno cercato fortemente un lavoro. La condizione generale di crisi, la non più giovane età e il lungo periodo di disoccupazione, hanno determinato però solo occupazioni precarie e di breve durata (in alternativa hanno scelto di rendersi utili per la collettività, attraverso gli LSU).

Noi riteniamo che questa sia una condizione non casuale ma frutto degli impegni non rispettati dal Governo che se da un lato è stato coerente sul percorso di ammortizzatori sociali, ha mancato assurdamente tutte le iniziative di reimpiego, a partire dalla formazione e dai bandi gara con le assunzioni agevolate.

Era evidente che lavoratori con quelle condizioni e in un periodo di violenta crisi non avrebbero avuto molte opportunità di ricollocarsi da soli ed era per questo che nell’accordo quadro sottoscritto in sede istituzionale, avevamo fortemente voluto misure di politiche attive per il lavoro.

Non averle attuate da parte del Governo e delle regioni firmatarie dell’accordo ha prodotto questa situazione che, come lavoratori e OO.SS. non possiamo accettare. In questo contesto pur avendo chiesto un incontro urgente del tavolo di confronto, il Ministero dello Sviluppo Economico non ha ancora convocato l’incontro, mentre la data del 22 dicembre si avvicina inesorabilmente sempre di più.

Per questo, le lavoratrici e i lavoratori di Agile ex Eutelia decidono di manifestare per ottenere quanto già previsto (nell’accordo quadro il monitoraggio costante è uno degli impegni) e al fine di poter presentare, insieme alle OO.SS., alcune proposte di reinserimento al lavoro che potrebbero concretamente dare risposte positive al problema. Alcune di esse sono già state discusse e apprezzate da rappresentanti delle regioni, sottosegretari e alcuni parlamentari.

I lavoratori di Agile sono ancora determinati a ricercare un lavoro, per farlo hanno individuato anche delle soluzioni che non possono prescindere però da un percorso istituzionale che coinvolga regioni e Governo, per questo chiedono urgentemente di essere convocati!

 

Fim, Fiom, Uilm Nazionali

Coordinamento nazionale Rsu Fim, Fiom, Uilm

 

Roma, 28 Ottobre 2014

Comunicato AGILE presidio nazionale