Ansaldo Breda, la produzione resti in Italia

Finmeccanica: AnsaldoBreda; Anelli,produzione resti italiana

“Se vogliamo che il ferroviario rimanga in questo paese bisogna fare delle azioni, che non sono soltanto quelle fatte finora di un azzeramento, quindi di una condizione di bilancio positiva, ma trovare delle soluzioni di prospettiva, quindi avere crediti, progettazione e investimenti per lo sviluppo”. Lo ha detto Carlo Anelli, della Fim-Cisl
nazionale a margine dell’incontro di Pistoia tra il presidente della Regione Enrico Rossi, le istituzioni locali e i sindacati, sulle prospettive di AnsaldoBreda.

“Se si fa questa scelta col Governo e con le Regioni – ha aggiunto -, c’è la possibilità di avere futuro in questa azienda, altrimenti i rischi sono veramente elevati. Si parla di partnership o di vendita, ma l’importante – ha concluso – qualunque sia la scelta, è fondamentale che sia una scelta per mantenere gli stabilimenti in Italia, per dare prospettiva al settore ferroviario, perché qui non c’è soltanto da far cassa ma c’è necessità di fare una scelta di campo per avere dei prodotti innovativi che possano essere venduti in tutto il mondo”.

Pistoia, 3 novembre 2014