#Bentivogli: costruire grande vertenza sull’industria della Sardegna

10334314_10205573133235994_3756227257961851788_n

Comunicato  Stampa

Dichiarazione del segretario generale Fim Cisl Marco Bentivogli

 Sardegna: bomba sociale.

 Costruire una grande vertenza sull’industria della Sardegna

 

“Qui c’è una umanità che dal 2009 non ha mollato un millimetro, ne al populismo né tantomeno alla rassegnazione con 250 giorni, in un memorabile presidio, giorno e notte. Anche per questo mi sento in debito di riconoscenza con questi ragazzi e l’ho promesso nel 2009, faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità per vincere ”.  Questa la sintesi del commento del  segretario generale della Fim Cisl Marco Bentivogli postata nella tarda serata di ieri sulla sua pagina Facebook, dal presidio-tenda dei lavoratori ex-Alcoa in Sardegna.

“La situazione sociale e industriale della Sardegna – commenta il leder della Cisl – è una bomba sociale che  sta deflagrando nella vita di centinaia di migliaia di famiglie. In questi anni le vertenze industriali dell’isola si sono tradotte in licenziamenti e attualmente vi sono oltre 30 mila lavoratori che utilizzano ammortizzatori sociali e di questi 20mila in mobilità, su un 1 milione e 600mila sardi, di questi oltre  400mila sono sotto la soglia di povertà.

Questo è il dato drammatico in risposta ai vari benaltristi che in questi anni hanno continuato a insistere su un diverso futuro della regione che non hanno mai progettato, programmato e costruito. Il Crollo del contributo industriale al PIL sardo è stato determinato  – sottolinea il leader della Fim – dall’avanzata della desertificazione industriale accompagnata da una nuova spinta migratoria di fuga dalla regione delle nuove generazioni, i più colpiti dalla disoccupazione. Il prossimo anno lanceremo la nostra “sveglia” ai governi locali e nazionale affinché si apra una vertenza industriale nella Sardegna con la dignità e il valore di una grande vertenza nazionale in cui concentrare tutte le energie migliori per la ricerca di prospetti e soluzioni.

 

Roma, 17 dicembre 2014

Ufficio Stampa Fim Cisl