Riunione INDUSTRIALL Europe su Formaziome Professionale e Apprendistato

IMG_8282 capovolta

Riunione INDUSTRIALL Europe su Formaziome Professionale e Apprendistato

Lussemburgo, 16-12-2014

 

Alla riunione, organizzata da Isabelle Barthez, hanno partecipato Agnes Roman dell’ETUC che ha presentato in mattinata lo stato di avanzamento di alcuni progetti e Laurent Zibel (policy adviser) che ha proposto nel pomeriggio un Focus sulle competenze del settore ICT in Europa e sulle iniziative delle Direzioni Generali della Comunità Europea sull’argomento.

 

I partecipanti al meeting sono stati quelli in elenco allegato in calce.

L’Italia ha partecipato con Antonello Gisotti della FIM e Maurizio Marcelli della FIOM.

Oltre a confrontarci sui diversi modelli esistenti in ciascuna realtà circa la Formazione Continua e l’Apprendistato, il meeting è stata l’occasione per ricostruire un gruppo di lavoro esistente con la FEM e, mai riunitosi dalla costituzione di INDUSTRIALL. Per quanto riguarda la FIM, Antonello Gisotti, partecipava per la prima volta ad un incontro internazionale organizzato a livello europeo sul tema della formazione professionale.

Tra gli spunti più interessanti quello di realizzare un progetto di monitoraggio simile a quello realizzato per l’Apprendistato (allegato nella versione inglese e francese) che documenti come è realizzata ed organizzata in ciascuno Stato la formazione professionale.

Ecco i punti espressi dai partecipanti e i punti salienti delle presentazioni di Agnes Roman e di Laurent Zibel:

  1. Profili professionali
  2. Livelli del dialogo sociale
  3. Qualità della formazione
  4. Certificazione delle competenze
  5. Ritardo delle organizzazioni sindacali
  6. Prevalenza del sistema imprese sul sistema sindacato all’interno di processo di dialogo sociale
  7. Orientamenti e attenzione delle Direzioni Generali sul tema della formazione professionale
  8. Crisi )industriale e fattore determinante della formazione per azioni di rafforzamento di competenze o di riqualificazione professionale
  9. Investire in formazione per promuovere l’innovazione e la competitività
  10. Favorire l’accesso alla formazione per tutti i lavoratori
  11. Consolidare il tema della formazione professionale come un diritto individuale da garantire con la contrattazione collettiva e da realizzare con la contrattazione aziendale
  12. Il sindacato (le parti sociali) devono essere più visibili, deve crescere la nostra partecipazione a tutte le istanze e a tutti i livelli
  13. Bisogna favorire le esperienze di alternanza scuola-lavoro
  14. Nella realtà si riscontra una mortificazione delle conoscenze e delle competenze: laureati ed esperti devono accontentarsi di lavorare per mansioni sotto-dimensionate rispetto al loro profilo professionale

In conclusione, si è pensato di re incontrarsi un’altra volta entro il 2015. Nel mentre sarà costituito un gruppo di lavoro ristretto che affronterà e approfondirà i temi suggeriti da tutti i componenti del gruppo che si è riunito oggi.

 

Ecco l’agenda di lavoro condivisa:

  1. Verrà redatta una traccia di lavoro da seguire e da sviluppare
  2. La traccia verrà tradotta in un programma d’azione sintetico
  3. Questo programma potrebbe diventare un POST per il congresso INDUSTRIALL del 2016
  4. Il gruppi di lavoro “ristretto” lavorerà in inglese e si incontrerà periodicamente
  5. Il gruppo rimanente, potrà sviluppare ulteriore sensibilità sul tema che verificherà nell’incontro annuale.

Per poter meglio contribuire con realtà aziendali, territoriali e regionali rappresentative di buone prassi, si esorta a compilare una scheda che sarà predisposta entro fine gennaio 2015.

Nota di riunione Riunione INDUSTRIALL Europe 16-12-2014

Manuale su APPRENDISTATO 2013 ETUC-brochure Apprenticeship EN   2013 ETUC-brochure Apprenticeship FR