#TERMINIIMERESE Uliano: accordo risultato eccezionale

14495999029_94f8d088ca_z

Comunicato Stampa

Dichiarazione del segretario nazionale Fim Cisl Ferdinando Uliano

Termini Imerese: evitati licenziamenti con una prospettiva di reindustrializzazione e lavoro a circa 1000 lavoratori.

Dopo l’ok giunto dall’assemblea dei lavoratori di Termini Imerese all’ipotesi d’accordo sottoscritta nella serata di ieri, firmata pochi minuti fa alla presenza del Ministro Federica Guidi l’accordo per la reindustrializzazione il sito siciliano. “E’ stata una corsa contro il tempo. Abbiamo evitato un dramma sociale in pochissimi giorni. Riuscire in così poco tempo a far quadrare il cerchio di: una cessione di ramo d’azienda, di un contratto di sviluppo, costruire tutte le garanzie industriali, occupazionali e salariali per i circa 1000 lavoratori di Fiat e dell’indotto è stato un risultato eccezionale. Dopo le assemblee drammatiche della settimana scorsa, oggi le assemblee si sono svolte in un clima sereno dando il pieno mandato alle segreterie nazionali a sottoscrivere i testi che avevamo in gran parte condiviso ieri sera. L’intesa sottoscritta accompagna tutto il processo di industrializzazione dell’area impegnando le istituzioni a garantire il tutto. Ora saremo impegnati a verificare che il progetto industriale di Blutec si compia nei modi e nei tempi concordati.

Il progetto Industriale di Blutec (la newco di Metec) prevede due tipologie business, uno settore nella componentistica auto e uno nella produzione auto ibride. Nell’area della componentistica (chimica automotive, engineering, illuminazione, allestimenti speciali) l’investimento ammonta a 96,5 milioni di euro; nell’area – auto ibride – sarà di 200 milioni di euro. Auto ibride prevede il lancio in produzione di due modelli tra giugno- settembre 2018. L’assorbimento occupazionale è previsto per circa 800 lavoratori al 31dicembre 2018 ( 200 nel 2016, 400 nel 2017, 700 nel 2018). L’accordo prevede la cessione ramo d’azienda e i 762 lavoratori verranno assunti a partire dal 31 dicembre 2014 e la loro collocazione in Cigs per riorganizzazione fino al loro graduale assorbimento nelle varie fasi d’ingresso previste. L’azienda è impegnata ad attingere al bacino dell’indotto per eventuali assunzioni. L’azienda durante il periodo di Cigs effettuerà rotazione dei dipendenti in base alle professionalità e procederà all’anticipazione del trattamento. Viene assunto dal Governo analogo impegno occupazionale sui lavoratori dell’indotto per le attività che si svilupperanno in seguito all’accordo di programma (ADP). Sono previste verifiche e monitoraggi dello stato di avanzamento del progetto industriale. Il Tfr verrà liquidato da Fiat, dando respiro alle famiglie che hanno sofferto in tutto questo periodo di cassa. Abbiamo inoltre sottoscritto un accordo con Fiat per incentivare l’uscita volontaria di qualche lavoratore. Siamo veramente soddisfatti del risultato raggiunto, ora dobbiamo rimboccarci le maniche per verificare che tutto si compia, per i bene dei lavoratori, delle loro famiglie, della Sicilia e del Paese”

Roma, 23 dicembre 2014

Ufficio Stampa Fim Cisl