Engineering, procedura di licenziamento collettivo

Engineering-Photos-22

Comunicato Sindacale 

Engineering M.O.

 

Si è tenuto oggi, 22 gennaio 2015 a Roma, nella sede UIR, un incontro tra Fim, Fiom, Uilm nazionali e territoriali, le rappresentanze sindacali e la Direzione aziendale riguardante la procedure di licenziamento collettivo avviata dall’Azienda in data 9 gennaio 2015.

Nell’incontro la Direzione aziendale ha illustrato le ragioni che l’hanno condotta a questa decisione, ripercorrendo i contenuti della lettera inviata e confermando di ritenere impossibili soluzioni alternative ai licenziamenti.

Le Organizzazioni sindacali e i rappresentanti sindacali hanno posto domande, contestato la fondatezza delle argomentazioni aziendali e manifestato con chiarezza la propria contrarietà ai licenziamenti collettivi.

L’incontro è dunque risultato insoddisfacente, anche perché l’Azienda ha affermato che l’elevato costo del lavoro è la causa principale della mancata acquisizione di nuove commesse. Siccome anche in futuro potranno concludersi ulteriori commesse senza che ne siano acquisite di nuove, non è difficile ipotizzare, anzi temere, ulteriori impatti negativi sull’occupazione

Per questi motivi e per convincere l’Azienda ad ascoltare la voce dei lavoratori e delle lavoratrici, occorre avviare una seria mobilitazione, confermando l’attuale stato di agitazione e lo sciopero delle prestazioni straordinarie e delle reperibilità. Nelle giornate di lunedì 26, martedì 27 e mercoledì 28 gennaio saranno svolte in tutte le sedi assemblee retribuite per illustrare e discutere della situazione e per preparare due ore di sciopero con presidio in entrata degli ingressi per martedì 3 febbraio.

Il prossimo confronto con l’Azienda è fissato per martedì 10 febbraio alle ore 12.00 presso l’Unione Industriali di Roma.

 

 

Fim, Fiom, Uilm nazionali e territoriali

Le RSA Engineering M.O.

 

Engineering, procedura di licenziamento collettivo Engineering

 

Roma, 22 gennaio 2015