Scarica i Materiali sullo Sciopero Generale
Home / Ufficio Stampa / #PIAGGIO : incontro di Fim Fiom Uilm con il presidente del Gruppo Piaggio Roberto Colaninno

#PIAGGIO : incontro di Fim Fiom Uilm con il presidente del Gruppo Piaggio Roberto Colaninno

20 Marzo 2015

Comunicato Stampa
Incontro di Fim Fiom Uilm con il presidente
del Gruppo Piaggio Roberto Colaninno

Dichiarazione di Ferdinando Uliano, Segr. Naz. Fim Cisl

Si è svolto oggi a Pontedera l’incontro tra i Segretari nazionali e territoriali di Fim Fiom e Uilm e le Rsu aziendali con il presidente del Gruppo Piaggio Roberto Colaninno, con l’obiettivo di monitorare la situazione degli stabilimenti di Pontedera (Pi), Noale Scorzè (Ve) e Mandello Lario (Lc), sia sul versante dell’occupazione che sulle prospettive future.
“Il mercato delle due ruote in Italia e in Europa non ha avuto alcuna inversione di tendenza; in 6 anni l’immatricolato nel nostro paese si è ridotto del 67% mentre si è dimezzato in Europa. Malgrado questo contesto difficile – afferma Ferdinando Uliano, segr. Naz. Fim Cisl – siamo riusciti a mantenere i livelli occupazionali, che hanno fatto registrare una lieve flessione (da 4166 a 3734 unità); nello stesso tempo sono continuati investimenti significativi sull’innovazione di prodotto e di processo che negli stabilimenti italiani hanno rappresentato circa il 65% rispetto al totale del Gruppo che nel 2013 sono stati di 87 milioni di euro, nel 2014 di 94 milioni, mentre nel 2015 saranno pari a 96 milioni”.
“Al presidente Colaninno – continua Uliano – abbiamo ribadito la necessità di un intervento volto ad allargare ancora di più la presenza del Gruppo sul mercato globale, oltre i confini italiani e europei, aumentando le produzioni degli stabilimenti italiani, a maggior ragione se si considera che a Pontedera e a Noale Scorzè abbiamo sottoscritto accordi sui contratti di solidarietà per difendere l’occupazione”. “In questo senso – conclude Uliano – crediamo sia importante e significativa l’affermazione fatta da parte dell’azienda di continuare a ritenere centrali nel Gruppo gli stabilimenti italiani, con un rafforzamento degli interventi sulla qualità, e sulle meccaniche e i motori, nonchè con il potenziamento della rete di vendita e di assistenza che consentiranno di migliorare ulteriormente i livelli produttivi e occupazionali del Gruppo”.

Roma 18 marzo 2015

Ufficio Stampa Fim Cisl

Scarica Comunicato

Materiale ecc⁠⁠

Scarica i Materiali sullo Sciopero Generale

Agenda

Internazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI

Gli ultimi Podcast

Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠