In migliaia per l’ultimo saluto al leader sindacale bengalese Mohammad Abu Taher

11000642_745285728919187_7821071674962300322_n

11000642_745285728919187_7821071674962300322_n 11081167_745285015585925_4566924067541110351_n

Migliaia di persone in lutto hanno reso omaggio nella giornata di oggi, a Dhaka in Bangladesh, al nostro carissimo amico e leader sindacale Mohammad Abu Taher, segretario generale del BGTLWF. Mohammad da diverse settimane era in ospedale e i diversi appelli a pregare per lui, postati dai suoi compagni del sindacato sui social network, lasciavano presagire il peggio.

Con lui c’eravamo visti a meta’ dicembre dell’anno scorso quando, con due suoi colleghi del sindacato Ahsan Al Karim Bhuiyan e Md Farouk Hossen Khanera (rispettivamente vice-presidente e responsabile della formazione sindacale), era venuto a Roma per incontrare la FIM e la FEMCA, allo scopo di avviare un rapporto di cooperazione e interscambio tra i nostri sindacati.

Nell’ultimo messaggio inviatomi il 17 gennaio 2015, prima del suo ricovero in ospedale, mi informava con soddisfazione di aver registrato la sindacalizzazione di un’azienda, la “SOUTHERN KNIT WEAR LTD, con 1.200 occupati di cui l’85 per cento donne. Pur in un contesto difficilissimo per l’azione sindacale, il sindacato guidato da Mohammad Abu Taher stava crescendo per numero di iscritti e per capacita’ contrattuale. Con un’apertura al mondo. Con una consapevolezza che l’affermazione di un sindacalismo autentico e libero non può prescindere dalla sua dimensione internazionale.

Anche per il significato che il Bangladesh ha assunto nella lotta sindacale e nella capacita’ di negoziazione a livello globale, specie dopo la strage del Rana Plaza dove sono morte 1.138 persone che lavoravano in quell’edificio crollato a causa di un cedimento strutturale, IndustriALL Global Union ha deciso di organizzare a Dhaka la riunione del Comitato Esecutivo di dicembre 2015. Solo Dio sa quanto l’amico Mohammad sarebbe stato felice per questo e quanto si sarebbe dato da fare per preparare l’evento.

E’ stato tristissimo apprendere della morte di Mohammad Abu Taher. Egli ci mancherà. Le nostre profonde condoglianze a nome di tutta la FIM-CISL alla sua famiglia, ai suoi amici, ai colleghi sindacalisti e alle migliaia di lavoratori iscritti a BGTLWF.

Lo ricordiamo con tre foto scattate durante gli incontri romani……….Mohammad resterà sempre nelle nostre menti e nei nostri cuori!

IMG_8019_2

Mohammad Abu Taher al centro della foto tra Gianfranco Gasbarro e Gianni Alioti alla fine dell’incontro a Corso Trieste 36.

 

B5ADkoQCAAAttdO.jpg-large

Mohammad Abu Taher a sinistra nella foto insieme a Gianni Alioti e Rosario Iaccarino.

 

B5C4Y4cIUAEq-HK.jpg-large

Mohammad Abu Taher, secondo a sinistra nella foto insieme a Dario Ilossi e Adriano Linari della Femca-Cisl all’Auditorium di via Rieti a Roma