Direttivo La Spezia, l’importante ruolo sociale del delegato

11222706_971406892890320_5955483057359357819_n

11059161_971407059556970_688357743864451010_n

Si è svolto il 9 luglio a La Spezia, il direttivo provinciale che il Segretario Generale Massimo Sensoli ha voluto dedicare al “Ruolo Sociale del Delegato in Fim”.

Dopo gli interventi di Giancarlo Zanoletti, che, ripercorrendo le fasi salienti ed evolutive della Fim, ha evidenziato la particolare attenzione che l’organizzazione ha avuto sempre nei confronti della sua prima linea;  e di Francesca Carosi, che ha proposto casi e storie di formazione esperienziale (basati sulla cultura del “Clown di Corsia”), il direttivo si è concluso con l’analisi di quanto la Fim sta facendo per e con i delegati in tutta Italia in materia di competitività e di occupabilità.

Le esperienze degli ultimi 6 anni, i risultati conseguiti in molti territori e le prospettive future, vedono la Fim ancora impegnata nello sviluppo del Progetto REWIND.

La partecipazione insieme alla Femca ad un progetto europeo in rappresentanza della CISL (progetto che vede il coinvolgimento anche  di rappresentanti sindacali di Romania, Bulgaria, Spagna, Germania e Gran Bretagna), tenderà a definire lungo la sua durata una serie di standard europei sia di progettazione della formazione utile, sia di un monitoraggio consapevole delle attività realizzate.