Fim, Allegion-CISA: raggiunto l’accordo, ora vigilare e lavorare al rilancio dei siti

CISA

Comunicato Stampa

Dichiarazione di  Davide Tagliaferri Segretario generale Fim Cisl Romagna

Giovanni Caruso Segretario generale Fim Cisl Emilia Romagna, Romina Rossi Segretaria Fim Cisl  Ascoli

Allegion-CISA: raggiunta l’ipotesi d’accordo,  ora vigilare e lavorare al rilancio dei siti

 

Dopo una no-stop durata più di 14 ore è stata firmata questa mattina intorno alle 6.45, l’ipotesi d’accordo per la Allegion-CISA, la multinazionale americana che a luglio di quest’anno aveva annunciato esuberi nel sito di Faenza e  Monsampolo di Ascoli.

Con l’intesa di questa mattina,  gli esuberi iniziali annunciati dalla multinazionale americana passano da 258, tra sito di Faenza e Monsampolo a 150, con l’apertura della mobilità volontaria incentivata con 30 mensilità e un periodo di cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione, con l’integrazione sulla indennità di 400 € e l’impegno da parte dell’azienda a non procedere unilateralmente ai licenziamenti, ma solo su volontarietà o ricollocazione. Confermati inoltre investimenti complessivi per 17 milioni tra il sito di Faenza e Monsampolo. L’accordo è solo un primo passo, ora serve un forte impegno da parte di tutti per creare le giuste condizioni di ripartenza e rilancio dei siti puntando su prodotti ad alto contenuto tecnologico e maggiore valore aggiunto.

L’ipotesi d’accordo siglata questa mattina verrà illustrata in assemblea ai lavoratori e  posta al voto.

 

Roma, 30 settembre  2015

Ufficio Stampa Fim Cisl

Scarica comunicato