Lucchini-Aferpi: Pasotti, recuperare ritardi e dare avvio a investimenti

Piombino-alti-forni1

Comunicato Stampa

Dichiarazione del Coordinatore nazionale siderurgia Sandro Pasotti

LUCCHINI- AFERPI: RECUPERARE I RITARDI E DARE AVVIO AGLI INVESTIMENTI.

NON TOLLEREREMO ALTRI RITARDI

Si è tenuto oggi l’incontro al MiSE, di verifica dello stato di avanzamento del piano industriale della AFERPI (ex Lucchini) di PIOMBINO, presente il Governo nella persona del dott. Gian Piero Castano e del sottosegretario di Stato on. Silvia Velo, le Organizzazioni sindacali, la delegazione aziendale con l’Amministratore delegato di AFERPI Tidjani,  il Presidente della Regione Toscana Rossi e i rappresentanti delle istituzioni locali.

L’incontro era stato sollecitato dalle organizzazioni sindacali FIM, FIOM e UILM a seguito dei ritardi nella attuazioni degli impegni sottoscritti da AFERPI e nella attuazione del piano di investimenti, a cominciare dall’area a caldo.

Nel corso dell’incontro è stata fornita una informazione e dettagliata   informazione sulle attività in corso sia sul versante logistico, la demolizione e il riutilizzo delle aree smantellate, (inizio lavori entro la fine di novembre) i lavori per la definizione dei nuovi impianti dell’area a caldo, le ricadute sul personale, i processi di formazione per l’utilizzo del personale ancora in casa integrazione nelle opere di bonifica e smantellamento. L’azienda ha ipotizzato che per la fine di novembre verrà fatta la per la scelta del forno fusorio.

Come organizzazioni sindacali abbiamo chiesto tempi e date certe, una maggiore chiarezza e un maggiore coinvolgimento dei lavoratori e la necessità recuperare i ritardi. Il Governo ha proposto un monitoraggio permanente della situazione e una prossima riunione a metà Novembre per verificare concretamente l’avanzamento dei lavori. Domani, 9 ottobre è convocata l’assemblea dei lavoratori della AFERPI e della Lucchini in amministrazione straordinaria per una informazione dettagliata sull’incontro.

Roma 08, ottobre 2015

Ufficio Stampa Fim Cisl

Scarica comunicato