Magneti Marelli: Apetino anche Fiom firma per i 18 turni

Scarica PDF comunicato

Comunicato Stampa

Dichiarazione del coordinatore nazionale Gruppo FCA-CNHI Fim Cisl Raffaele APETINO 

MAGNETI MARELLI SULMONA: anche Fiom firma il verbale di riunione di attuazione dei 18 turni previsti dal contratto del Gruppo FCA 

Recepite le richieste della FIM-CISL di alleggerire impatto su prestazioni 1° turno   del sabato e del 3° turno della domenica

 

Oggi con l’illustrazione in assemblea, dopo l’incontro convocato dall’azienda, finalmente si è conclusa la lunga discussione sulla turnistica. Tutte le organizzazioni hanno firmato un verbale di attuazione dei 18 turni con il recepimento di alcuni miglioramenti allo schema di turnazioni precedentemente discusso e condiviso con la direzione aziendale. Anche la Fiom lo ha sottoscritto, dopo aver indetto 28 ore di sciopero contro l’applicazione dei 18 turni. La battaglia tutta politica per i 17 turni è servita solo a far pagare un prezzo salato ai lavoratori.

Questo tipo di soluzione, assieme ai problemi connessi ai carichi di lavoro ed ai problemi sulla sicurezza e alle 43 assunzioni, era già stata ampiamente affrontata da tutte le organizzazioni sindacali nei precedenti 4 incontri e disponibile alle parti da oltre 2 settimane.

E’ evidente ormai a tutti quello che come Fim abbiamo sempre sostenuto, che bastava uno sforzo in più dal punto di vista negoziale per giungere ad una soluzione definitiva, che recepisse le nostre proposte di alleggerire le modalità di utilizzo dei 18 turni riducendo l’impatto sabato I° turno con la domenica III° turno.

Come Fim Cisl e come RSA Fim di Sulmona, ovviamente, verificheremo attraverso le commissioni previste dal Contratto CCSL, quanto definito nel verbale d’intesa, senza fare sconti all’azienda sul merito, chiedendo incontri settimanali per verificare la corretta applicazione dello schema dei turni e l’analisi dei carichi di lavoro, nonché sui temi relativi alla sicurezza.

Adesso anche l’azienda deve fare la sua parte affinché gli  sforzi che il Sindacato e i lavoratori, stanno mettendo in campo nell’ultimo periodo, non siano vanificati se non verranno accompagnati da una corretta pianificazione  del lavoro, per garantire la prospettiva industriale occupazionale dello stabilimento di Sulmona in funzione delle nuove allocazioni produttive previste dal piano industriale FCA presentato a Detroit.

Roma, 07 Luglio 2016

Ufficio Stampa Fim Cisl

Scarica PDF Comunicato