Fim Cisl Congresso 2017

Marco Bentivogli: la Fim al fianco di chi, tutti i giorni, combatte per costruire lavoro e partecipazione. Dai giovani una scossa al Paese

foto1

Comunicato Stampa
Campo Scuola Giovani FIM Cisl nei terreni confiscati alla camorra
Chiusura stamattina presso Cleprin, azienda simbolo della lotta al racket

Marco Bentivogli: la Fim al fianco di chi, tutti i giorni, combatte per costruire lavoro e partecipazione. Dai giovani una scossa al Paese.

Si è concluso oggi presso la Cleprin, simbolo della lotta al racket, il Campo Scuola dei Giovani Metalmeccanici della Fim Cisl, impegnati da domenica scorsa nei terreni confiscati alla Camorra a Casal di Principe.
L’azienda, che lo scorso marzo ha riaperto a Carinola la nuova sede dopo che nell’estate 2015 un incendio doloso aveva distrutto il vecchio capannone di Sessa Aurunca, ha ospitato il dibattito sui temi dell’economia civile, della legalità e del lavoro tra il Segretario Generale della Fim Cisl Marco Bentivogli, il titolare dell’azienda Antonio Picascia, Giuliano Ciano, Peppe Pagano e Simmaco Perillo del Consorzio Nuova Cooperazione Organizzata e il coordinatore dei giovani della Fim Cisl Andrea Donegà.

Per Bentivogli “la cultura della legalità si costruisce con comportamenti concreti e con scelte coraggiose e radicali. Per la Fim è fondamentale anche cancellare l’idea che alcune volte tollera la coesistenza tra lavoro e illegalità: con l’illegalità non c’è democrazia e non c’è partecipazione; con la legalità, invece, si sente il profumo del lavoro, si respira aria buona e si vive la libertà. La Fim, impegnata nel costruire quotidianamente speranza tra le persone, ha puntato da tempo a valorizzare le buone notizie e le belle esperienze. Le ragazze e i ragazzi delle Terre di don Peppe Diana sono un esempio per tutto il Paese: per questo la Fim nella formazione dei propri quadri sindacali svolge percorsi e iniziative in luoghi significativi con persone simbolo dell’Italia che non si rifugia nel piagnisteo ma combatte tutti i giorni costruendo lavoro e partecipazione, facendo vincere la democrazia. Le nuove generazioni che hanno liberato queste realtà dalla camorra sono l’esempio che i giovani, carichi di valori e di energia positiva, possono dare la scossa al Paese. La Fim è per la democrazia sostanziale, quella fatta da persone che consapevolmente riprendono in mano la propria terra e il proprio futuro.”

Roma, 6 settembre 2017

Ufficio Stampa Fim Cisl

Scarica PDF Comunicato