Fim Cisl Congresso 2017

Massimali Cassa Integrazione e Contratti di Solidarietà – In vigore nel 2018

comunicato FIM massimali cassa integrazione 2018

Scarica il volantino PDF massimali cassa integrazione 2018

TRATTAMENTI DI INTEGRAZIONE SALARIALE
Se la retribuzione di riferimento mensile del lavoratore è: Tetto Importo lordo Importo al netto del contributo previdenziale (5,84%)
Inferiore o uguale a 2.125,36 € Basso € 982,40 € 925,03
Superiore a 2.125,36 € Alto € 1.180,76 € 1.111,80

 

  1. Per capire se si è sopra o sotto il tetto previsto “dalla retribuzione mensile di riferimento”, occorre considerare la retribuzione mensile comprensiva del rateo di tredicesima, premi annui e altri emolumenti annui rapportati al mese.
  2. L’importo di cassa integrazione è soggetto alle ritenute irpef.
  3. Gli importi previsti nella tabella si riferiscono al mese pieno in cassa integrazione. Per calcolare l’importo giornaliero o orario occorre dividere la cifra per le giornate di lavoro (importo giornaliero) o per le ore lavorabili (importo orario) previste nel mese in questione.

NASPI (Nuova Assicurazione Sociale Per l’Impiego)

La NASPI è corrisposta mensilmente, per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione avute negli ultimi 4 anni: Se la retribuzione mensile media dei periodi lavorati negli ultimi 4 anni è:

  1. Inferiore a € 1208,15 l’indennità sarà pari al 75% della retribuzione mensile
  2. Superiore a € 1208,15 l’indennità sarà pari al 75% del suddetto importo più il 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e i 1208,15 euro. L’indennità mensile non può superare comunque un massimale mensile pari € 1314,30.

La NASPI si riduce del 3% ogni mese a decorrere dal quarto mese di fruizione.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI RIVOLGITI ALLA FIM CISL O ALLE SEDI DEL PATRONATO INAS CISL

Scarica il volantino PDF massimali cassa integrazione 2018