Fim X Skills 4.0

STUPRO, FIM DAISY: sentenza cassazione inaccettabile

cassazione

FIM DAISY: stupro, sentenza cassazione inaccettabile

 

“Se l’ubriacatura della stuprata è volontaria, non può esserci l’aggravante dell’induzione alla violenza con sostanze alcoliche”, lo dice la Corte di Cassazione nella sentenza del 16 luglio 2018 rispetto ad un caso di violenza sessuale risalente al 2009 ai danni di una donna che aveva fatto uso di alcool.

Che lo dica giustamente o meno poco importa, l’art 609 ter del c.p. stabilisce che le aggravanti del reato di violenza sessuale debbano essere caratterizzate dalla condizione di “costrizione” da parte di chi lo commette nei confronti della parte offesa, ne consegue, secondo la sentenza, che una donna che beve spontaneamente è un po’ responsabile della violenza subita.

Per il Network Daisy Fim Cisl che da tempo affronta il tema delle molestie, a partire dai luoghi di lavoro, una sentenza come questa è inaccettabile.

La Cassazione è l’organismo che ha la funzione di assicurare l’esatta osservanza e la più corretta interpretazione della legge, ma è inevitabile notare come in molte sentenze dagli anni ‘70 ad oggi, alla fine dei conti, le donne se la siano andata a cercare.

E’ singolare come nei processi per stupro siano sempre le donne ad essere processate e non chi commette il reato.

Lo sono quando devono spiegare come può esserci stata violenza pur indossando un paio di jeans, quando devono far comprendere perché non sono riuscite gridare “No” a squarciagola mentre durante l’abuso, la sopraffazione e la violenza toglieva loro il fiato, e ancora oggi quando l’aggravante del reato di stupro viene meno per aver deciso di bere volontariamente.

Non possiamo essere d’accordo con una sentenza che di fatto depotenzia la pena di chi commette un reato tanto grave quanto disumano come lo stupro, non possiamo esserlo perché vuol dire tornare indietro di decenni e non tenere conto del grande lavoro che ancora c’è da fare sulla cultura del rispetto tra uomini e donne.

Network Daisy Fim Cisl

Roma, 17 luglio 2018

Scarica PDF Comunicato