Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Draghi parte dal dialogo e per i lavoratori è già promosso. Parla Benaglia (Fim-Cisl)

Condividi questa pagina

Di Gianluca Zapponini  08/02/2021

Intervista al leader dei metalmeccanici Cisl, a pochi giorni dall’incontro tra Draghi e i sindacati. Rinnovare il contratto nazionale un grande risultato visto il momento drammatico. I lavoratori hanno dimostrato di saper costruire il loro futuro, adesso la politica la smetta di guardare ai sondaggi e raccolga l’invito di Mr Europa

Se il buongiorno si vede dal mattino, i metalmeccanici italiani hanno di che sorridere. Pochi giorni fa, l’atteso rinnovo del contratto nazionale, costato 15 mesi di trattative con le imprese per giungere, tra le altre cose, a un aumento medio di 112 euro in busta paga. Non una bazzecola, di questi tempi.

Ma c’è di più. L’incontro in settimana dei sindacati confederali con Mario Draghi, parte integrante del lungo giro di consultazioni intrapreso dal premier incaricato, prima di salire al Quirinale. Riporre una buona dose di fiducia e speranza nell’ex presidente della Bce sembra venire facile anche alle tute blu, spina dorsale di un Paese che vive di manifattura, come spiega a Formiche.netRoberto Benaglia, che dei metalmeccanici italiani in seno alla Cisl, è leader…continua a leggere su Formiche.net