Home / Mondo sindacale / THYSSENKRUPP-AST: a Bruxelles per i guai combinati a Terni

THYSSENKRUPP-AST: a Bruxelles per i guai combinati a Terni

3 Novembre 2014

Comunicato Stampa

Dichiarazione del segretario nazionale FIM CISL Marco Bentivogli

 

THYSSENKRUPP-AST: domani a Bruxelles per responsabilizzare Commissione su guai combinati a Terni“

 

 

Marco Bentivogli, segretario nazionale Fim Cisl, e Gianni Alioti responsabile internazionale Fim Cisl domani guideranno la delegazione Fim Cisl dell’Ast di Terni: “domani saremo davanti al Parlamento Europeo e alla Commissione Ue. La Commissione Antitrust Ue presieduta da Joaquin Almunia ha prima bloccato l’acquisizione di AST da parte di Outokumpu nel febbraio 2012, ha poi indebolito gli assets italiani e si è completamente disinteressata del futuro degli assets italiani che aveva invece preso l’impegno a monitorare”.

 

“Ci auguriamo”, aggiunge il Segretario Nazionale della Fim, “che la nuova Commissione Ue presieduta da Jean Claude Junker sia meno anti-industriale di quella uscente di Barroso. Saremo a Bruxelles affinché tutto il Parlamento Ue, i nuovi commissari, diversamente dai predecessori, Margrethe Vestager alla concorrenza e Elzbieta BienKowska all’industria comprendano che il bilancino delle concentrazioni dei produttori europei va rivisto in base ad un produttore che si aggrega e pesa sempre di più, le importazioni dai paesi extra Ue. In questo senso le limitazioni alle concentrazioni tra i produttori europei rischiano di cancellare i produttori europei se non avranno la possibilità di avere economie di scala maggiori”.

In tutte le vicende industriali italiane, dall’AST all’Alcoa, la precedente Commissione da un lato ha usato due pesi e due misure nel sanzionare i diversi paesi europei, senza nessuna visione e nessuna politica per la difesa e lo sviluppo dell’industria continentale.

 

 

Roma, 3 novembre 2014                                                                                Ufficio Stampa Fim Cisl

 

Tk-Ast- Bentivogli-Alioti (Fim Cisl) domani a Bruxelles

Il lavoro è un momento di grandi relazioni e contatto con tante persone.
Prestiamo tutti, anche noi sindacalisti, attenzione ad alcuni accorgimenti.
La crisi del 2008 ci ha fatto perdere il 25% del tessuto industriale senza successivi, rilevanti, effetti compensativi; questa emergenza sanitaria determinerà una ulteriore contrazione di capacità produttiva e perdite di 650 miliardi di euro secondo le stime del Cerved.
Scarica Piano

Agenda

Speciale 15^ Assemblea Organizzativa Nazionale FIM CISL

Speciale Assemblea Nazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI
Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠