Home / Settori ed Aziende / Bentivogli, FRANCO TOSI: asse della paura Landini-Salvini chiude fabbriche e speranze. Sospendere licenziamenti, riaprire subito la partita!

Bentivogli, FRANCO TOSI: asse della paura Landini-Salvini chiude fabbriche e speranze. Sospendere licenziamenti, riaprire subito la partita!

29 Aprile 2015

Comunicato Stampa 

Dichiarazione del Segretario Generale Fim Cisl Marco Bentivogli

 FRANCO  TOSI: asse della paura Landini-Salvini chiude fabbriche e speranze. Sospendere licenziamenti, Riaprire subito la partita!

Rispettiamo il risultato della consultazione dei lavoratori della Franco Tosi, ma la maggioranza dei lavoratori non ha partecipato al voto. Certo, conta chi partecipa ma il prevalere per 25 voti dei no su i favorevoli (122 a 97) all’accordo ha consegnato al Commissario la decisione di avviare i licenziamenti di tutti i 346 lavoratori. Credo che questo spinga alla consapevolezza della necessità che tutti i lavoratori, a partire dalla maggioranza (130 lavoratori che non hanno votato) devono poter decidere del futuro del lavoro dello storico stabilimento di Legnano.

La Fim-Cisl non si rassegna. Va riaperta la discussione con i lavoratori e riconfermate le tutele previste dall’ipotesi di accordo con Presezzi.

Il Commissario sospenda i licenziamenti, il Governo convochi le parti e si esprima chiaramente sull’accordo e sulle prospettive.

L’asse Landini-Salvini ha sostenuto con forza la bocciatura dell’accordo.  E’ evidente che tra il futuro dei lavoratori e delle loro famiglie e le contese politiche con il Governo abbiano scelto le seconde. Quando ragioni di schieramento politico entrano nelle vertenze sindacali ne fanno le spese sempre i lavoratori. E’ sempre accaduto così, anche oggi alla Franco Tosi. La Fim Cisl farà di tutto per riaprire la partita, la fabbrica e le speranze dei lavoratori.

 

Roma, 29 aprile 2015

Ufficio Stampa FIM Cisl

Scarica comunicato

 

 

Il lavoro Post Pandemia
Il lavoro è un momento di grandi relazioni e contatto con tante persone.
Prestiamo tutti, anche noi sindacalisti, attenzione ad alcuni accorgimenti.
La crisi del 2008 ci ha fatto perdere il 25% del tessuto industriale senza successivi, rilevanti, effetti compensativi; questa emergenza sanitaria determinerà una ulteriore contrazione di capacità produttiva e perdite di 650 miliardi di euro secondo le stime del Cerved.
Scarica Piano

Agenda

Speciale 15^ Assemblea Organizzativa Nazionale FIM CISL

Speciale Assemblea Nazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI
Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠