Home / Ufficio Stampa / BENTIVOGLI:;ALFA GIULIA: grande giorno per i lavoratori italiani

BENTIVOGLI:;ALFA GIULIA: grande giorno per i lavoratori italiani

24 Giugno 2015

Comunicato Stampa

Dichiarazione del Segretario Generale Fim Cisl Marco BENTIVOGLI 

“ALFA GIULIA: grande giorno per i lavoratori italiani,

grazie al sindacato che non scappa”

 

E’ un giorno importante per i lavoratori italiani e l’Alfa Romeo. Il miglior modo per festeggiare di 105 anni storia del Biscione. Debutta la Giulia grazie a chi come la Fim Cisl, nel 2012 condivise il progetto mentre altri volevano vendere l’Alfa ai tedeschi. Progetto che invece oggi vede il lancio che precederà altri 8 modelli che da qui al 2018 sarà accompagnato da 5 miliardi di investimenti per la produzione di circa 400.000 vetture.

Progetto che punta a rivoluzionare la gamma del marchio Alfa. L’obiettivo è riportare l’Alfa Romeo fra i grandi marchi premium a livello mondiale, un settore oggi dominato dai brand tedeschi e da pochi altri costruttori. Ciò rappresenta un passo importante per difendere e rafforzare l’industria italiana nel continente e non solo.

La nuova Alfa, inoltre è un modello che torna a puntare al 100% sul Made in Italy. La Giulia, infatti, verrà prodotta totalmente nello stabilimento di Cassino, a partire da fine anno, ma anche i motori saranno assemblati in Italia. In particolare, i benzina verranno realizzati a Termoli, mentre i diesel dovrebbero essere affidati allo stabilimento di Pratola Serra e alla VM di Cento. Tante anche le aziende italiane che hanno collaborato al progetto Giulia, da Brembo a Magneti Marelli.

La Giulia sarà da ottobre in produzione e in vendita da marzo del 2016 in Italia e nei principali paesi europei, seguita a pochi mesi di distanza dal debutto negli USA e nel resto del mondo.

Un altro successo degli accordi sindacali firmati dalla Fim Cisl dopo la Panda, hanno consentito le due Maserati di Grugliasco, la Jeep Renegade e la 500X di Melfi, le otto Alfa Romeo e il Suv Levante di Mirafiori.

Questi accordi riporteranno al lavoro migliaia di lavoratori in cassa integrazione a Cassino dopo aver riaperto Pomigliano, incrementato i lavoratori a Grugliasco e i 2100 nuovi ingressi a Melfi e le nuove assunzioni in tutti gli altri siti.

Solo il “sindacato da intrattenimento” può non essere contento del lavoro e degli investimenti che ripartono. Senza cattive notizie, non ha spazio di propaganda, difendere i lavoratori, significa l’opposto, fare il proprio mestiere per costruire quelle buone di notizie.

Roma, 24 giugno 2015

Ufficio Stampa Fim Cisl

Scarica comunicato

Agenda

Internazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI

Gli ultimi podcast

Guarda tutti i podcast
Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠