Home / Attività Sindacale / Comunicati Sindacali / HITACHI RAIL: SMART WORKING A TEMPO INDETERMINATO

HITACHI RAIL: SMART WORKING A TEMPO INDETERMINATO

11 Febbraio 2020

Nella giornata di venerdì 3 febbraio 2020 si è svolto a Roma l’incontro tra Fim Fiom Uilm e la Direzione HR, per sottoscrivere l’accordo di SMART WORKING a tempo indeterminato in Hitachi Rail.

Avendo avviato la sperimentazione in data 10 settembre 2019 con un progetto pilota della durata di tre mesi, le parti dopo aver ascoltato e coinvolto le RSU dei siti di Napoli, Reggio Calabria e Pistoia hanno deciso di trasformare l’accordo pilota della durata di tre mesi in accordo a tempo indeterminato.

L’intesa prevede, a partire dal 1 marzo 2020, il coinvolgimento progressivo di un numero considerevole di lavoratori (circa 550 addetti) che svolgono attività eseguibili da remoto. L’adesione allo Smart Working è su base volontaria e ne potranno beneficiare le lavoratrici e i lavoratori a tempo indeterminato e che abbiano superato il periodo di prova contrattuale. Si potrà fruire dello Smart Working per un massimo di 4 giorni al mese.

Rispetto al progetto pilota in alcuni enti aziendali (addetti alle funzioni di Supply Management) le giornate di fruizione, sono state estese da 2 a 4, generando così per gli addetti interessati, un effetto positivo sia in termini di conciliazione vita lavoro, sia sulla produttività aziendale.

Come Fim abbiamo sempre ribadito l’importanza dello Smart Working come strumento efficace al fine di migliorare le condizioni di vita dei dipendenti. Di fatto abbiamo lavorato incessantemente con l’azienda
affinché il progetto pilota prevedesse, oltre tutte le funzioni individuate dall’azienda, anche il coinvolgimento degli addetti alla funzione di Supply Management per il quale rivendichiamo l’ottimo risultato.

Roma, 10 febbraio 2020

Fim – Cisl Nazionale

Scarica Comunicato Sindacale

Il lavoro è un momento di grandi relazioni e contatto con tante persone.
Prestiamo tutti, anche noi sindacalisti, attenzione ad alcuni accorgimenti.
La crisi del 2008 ci ha fatto perdere il 25% del tessuto industriale senza successivi, rilevanti, effetti compensativi; questa emergenza sanitaria determinerà una ulteriore contrazione di capacità produttiva e perdite di 650 miliardi di euro secondo le stime del Cerved.
Scarica Piano

Agenda

Speciale 15^ Assemblea Organizzativa Nazionale FIM CISL

Speciale Assemblea Nazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI
Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠