Riforma Costituzionale: critiche espresse allora alla Costituzione del 1948

critiche-verso-la-costituzione

Scarica il volantino PDF

“La riforma Costituzionale è scritta male, da ragazzini impreparati e poco autorevoli”
Purtroppo le critiche di oggi arrivano proprio da chi ha fallito tutti i tentativi di riforma costituzionale o che ha fatto una legge elettorale che egli stesso ha definito “porcata” o da picconatori storici della costituzione che ora la citano strumentalmente e a sproposito. Ma già allora, per motivi ben più nobili, la Costituzione appena approvata fu sottoposta a critiche.

Critiche dure contro la Costituzione, non necessariamente condivisibili, furono espresse, da diverse personalità, tra cui anche molti di coloro che parteciparono alla stesura:

Piero Calamandrei : “…manca di chiarezza”
Benedetto Croce : “…manca di coerenza e di armonia”
Arrigo Cajumi : “…è prolissa, confusa, mal congegnata; è nata da una coalizione di interessi elettorali”
Antonio Messineo : “…non è un capolavoro di arte giuridica; manca la certezza del diritto, ci sono gravi imperfezioni”
Vittorio Emanuele Orlando : “…abbisogna di essere completata in parti essenziali”
Alfonso Tesauro : “…è frutto del timore reciproco dei partiti”
Luigi Sturzo : “Solo da noi il Senato è un duplicato della Camera”
Francesco Saverio Nitti : “Fu preparata da uomini che non avevano nessuna pratica di costituzioni,conoscevano assai poco gli argomenti che dovevano trattare, non erano quasi mai stati all’estero…”
Arturo Carlo Jemolo : “Non amo la Costituzione perché piena di espressioni che non hanno nulla di giuridico; apprezzo di più la secchezza oserei dire la serietà, dello Statuto Albertino”
Gaetano Salvemini : “Ho letto il progetto della nuova Costituzione. È una vera alluvione di scempiaggine. I soli articoli che meriterebbero di essere approvati sono quelli che rendono possibile emendare o prima o poi questo mostro di bestialità…”

LA NOSTRA COSTITUZIONE RESTA PER NOI LA PIÙ BELLA DEL MONDO

NEI PRIMI DODICI ARTICOLI QUELLI FONDANTI DEI DIRITTI E DELLE LIBERTÀ CHE QUALIFICANO LA DEMOCRAZIA REPUBBLICANA

Scarica il volantino PDF