Giornata Internazionale contro le Mutilazioni Genitali Femminili 2020
Home / Settori ed Aziende / Fca Pomigliano: il populismo sindacale della Fiom è un danno per i lavoratori

Fca Pomigliano: il populismo sindacale della Fiom è un danno per i lavoratori

5 Marzo 2019

Comunicato Stampa 

Dichiarazione del coordinatore nazionale automotive Fim Cisl Raffaele Apetino 

Fca Pomigliano: il populismo sindacale della Fiom è un danno per i lavoratori

Quando un’organizzazione sindacale in un reparto alla Fca di Pomigliano proclama scioperi sapendo già che non produrranno nessun beneficio per i lavoratori, fa solo populismo sindacale con il rischio è di causare danni irreparabili.

Nessuno mette e ha mai messo in discussione il diritto allo sciopero ma è chiaro, che abusare del diritto, come sta facendo la Fiom per interessi “politici” senza alcun obiettivo e fondamento sindacale, economico e normativo, l’unico risultato che si consegue è di fare danni alle tasche e al futuro delle lavoratrici e dei lavoratori di Pomigliano.

Uno sciopero privo di fondamento economico perché in Fca le maggiorazioni (60,5%) per i turni più disagiati già sono più alte di 4 volte rispetto al contratto nazionale di settore(10,5%), e nessun fondamento normativo, perché la turnistica a 18 turni, applicata a Pomigliano come in tutta la Fca è contemplata anche nel contratto dei metalmeccanici sottoscritto anche dalla Fiom.

La verità è che la Fiom a Pomigliano non ha il coraggio di dire ai lavoratori che il mondo del lavoro non è più quello del 1970, ma anzi con atteggiamenti da preistoria sindacale, mette a repentaglio i sacrifici fatti dalle maestranze nel corso di questi 10 anni.

Le condizioni di lavoro si migliorano stando nel merito delle questioni, con competenza e preparazione e non strumentalizzando e scaricando sulle persone le proprie irresponsabilità.

La Fiom non può chiedere alla Fim Cisl unità sindacale solo per annunci e mai accettando un confronto sulle questioni di merito.

In questi anni l’unità sindacale con la Fiom la ritroviamo troppo spesso davanti al Ministero o alle prefetture quando chiudono le aziende e licenziano i lavoratori e mai quando c’è da confrontarsi e sottoscrivere accordi che garantiscono il futuro e lo sullo sviluppo del lavoro.

Come Fim non permetteremo a nessuno di mettere in discussione l’investimento annunciato pochi giorni fa di un nuovo modello Alfa Romeo a Pomigliano perché il prezzo che pagherebbero i lavoratori di Pomigliano sarebbe devastante. 

Roma, 3 marzo  2019

Ufficio Stampa nazionale Fim Cisl

Scarica PDF Comunicato

La testimonianza di Giovanni Avonto del 2008
Ci ha lasciati un gigante della Storia della Fim Giovanni Avonto. Un uomo mite e caparbio, preparatissimo e coraggioso. Ci mancherai tantissimo. Ciao Giovanni.
Qui la testimonianza di Giovanni Avonto del 2008

Agenda

Speciale 15^ Assemblea Organizzativa Nazionale FIM CISL

Speciale Assemblea Nazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI
Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠