Home / Segretario Generale / Interviste / Perché il modello di Ferrari per la fase 2 è da copiare

Perché il modello di Ferrari per la fase 2 è da copiare

30 Aprile 2020

Il protocollo di sicurezza per la ripartenza del Cavallino durante l’emergenza coronavirus può essere di esempio anche per le pmi

Parola d’ordine: ripartire in sicurezza. Nulla è lasciato al caso. Il Protocollo sanitario Ferrari, Back on track, con quello di Fca rappresenta un progetto articolato di riferimento in questa fase per le aziende metalmeccaniche, poiché si è percepita con prontezza l’enorme portata dell’emergenza da coronavirus. La fase 2 è molto importante perché abbiamo l’occasione di costruire misure di sicurezza nuove, ripartendo con la massima attenzione agli ambienti di lavoro.

Leggi l’intervista completa su Wired

Il lavoro è un momento di grandi relazioni e contatto con tante persone.
Prestiamo tutti, anche noi sindacalisti, attenzione ad alcuni accorgimenti.
La crisi del 2008 ci ha fatto perdere il 25% del tessuto industriale senza successivi, rilevanti, effetti compensativi; questa emergenza sanitaria determinerà una ulteriore contrazione di capacità produttiva e perdite di 650 miliardi di euro secondo le stime del Cerved.
Scarica Piano

Agenda

Speciale 15^ Assemblea Organizzativa Nazionale FIM CISL

Speciale Assemblea Nazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI
Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠