Home / Ufficio Stampa / Apetino, Jabil: Se l’azienda davvero vuole la risoluzione positiva dei 190 esuberi, si risieda al tavolo della trattativa, tolga la pregiudiziale e firmi l’accordo.

Apetino, Jabil: Se l’azienda davvero vuole la risoluzione positiva dei 190 esuberi, si risieda al tavolo della trattativa, tolga la pregiudiziale e firmi l’accordo.

27 Maggio 2020

Comunicato Stampa

Dichiarazione del Segretario Generale Fim Cisl Campania Raffaele Apetino

Jabil: Se l’azienda davvero vuole la risoluzione positiva dei 190 esuberi, si risieda al tavolo della trattativa, tolga la pregiudiziale e firmi l’accordo.

Oggi abbiamo appreso dagli organi di stampa un comunicato del gruppo Jabil in cui, la multinazionale spiega in maniera distorta le motivazioni che l’hanno spinta ad interrompere il negoziato con le organizzazioni sindacali , Ministero del lavoro e assessorato alla regione Campania.

Il motivo vero dello stop alla trattativa, dopo 73 ore di confronto serrato, è la pregiudiziale posta dall’azienda alle parti trattanti, che prevedeva, l’avallo preventivo ai licenziamenti da parte del governo e delle organizzazioni sindacali a fronte di una nuova apertura della procedura di licenziamenti collettivi.

Abbiamo respinto da subito la richiesta scellerata della multinazionale americana, in quanto in contrasto evidente sia con la normativa europea in materia di riduzione di organico, sia con i principi sindacali che assolutamente consentono di avallare il licenziamento dei lavoratori.

Come Fim continuiamo a sostenere che l’obiettivo del confronto era e resta quello di evitare i licenziamenti, creando un percorso di ricollocazione certo e di prospettiva ai lavoratori in esubero e garantire un processo industriale ai restanti 350 lavoratori del sito di Caserta.

Nel corso del negoziato, le parti avevano condiviso un’intesa di massima che prevedeva il ritiro dei licenziamenti e un ulteriore utilizzo della Cassa Integrazione Covid per altre 5 settimane più una serie di strumenti di sostegno ai lavoratori da parte del Governo.

Inoltre durante la 3 giorni negoziale ci sono state manifestazioni di interesse concreto da parte di primarie aziende del settore metalmeccanico per l’assunzione dei lavoratori in esubero da Jabil.

La FIM ritiene che il lavoro svolto dalle organizzazioni sindacali insieme al Ministro Catalfo, all’Assessore Regionale al Lavoro della Campania Sonia Palmeri non possa essere vanificato da un comportamento aziendale vergognoso che punta esclusivamente al licenziamento senza il minimo rispetto verso i lavoratori e le istituzioni.

Ufficio Stampa Fim Cisl

Napoli 27 maggio 2020

Scarica PDF Comunicato

Il lavoro è un momento di grandi relazioni e contatto con tante persone.
Prestiamo tutti, anche noi sindacalisti, attenzione ad alcuni accorgimenti.
La crisi del 2008 ci ha fatto perdere il 25% del tessuto industriale senza successivi, rilevanti, effetti compensativi; questa emergenza sanitaria determinerà una ulteriore contrazione di capacità produttiva e perdite di 650 miliardi di euro secondo le stime del Cerved.
Scarica Piano

Agenda

Speciale 15^ Assemblea Organizzativa Nazionale FIM CISL

Speciale Assemblea Nazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI
Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠