Home / Ufficio Stampa / Jabil conferma la sua arroganza

Jabil conferma la sua arroganza

27 Maggio 2020

Apprendiamo da una nota stampa, che Jabil ha affidato ad alcune testate giornalistiche, la volontà della multinazionale di confermare i 190 licenziamenti, in piena pandemia da Covid-19 e con il blocco in atto dei licenziamenti previsti dal decreto Cura Italia e dal successivo decreto Rilancia Italia.

Questa nota arriva nel pieno di una trattativa complessa, che il Governo e noi sindacati non riteniamo chiusa, vista l’interlocuzione aperta dal Governo direttamente con Otto Bik, membro delcconsiglio di amministrazione della Corporation, il giorno dopo l’interruzione della trattativa con Jabil.

Il punto dirimente, sia per il Governo che per noi sindacati, è la richiesta da parte di Jabil che chiede di mettere per iscritto l’accettazione dei licenziamenti programmati dall’azienda per il 24 agosto prossimo, prevedendo un accordo in sede ministeriale con parere positivo da parte delle organizzazioni sindacali.

Questo per Fim, Fiom, Uilm e Failms è inaccettabile non solo perché in violazione delle disposizioni di legge italiana ma anche perché in violazione delle direttive comunitarie in materia di licenziamenti collettivi.

Continua la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori per il ritiro dei 190 licenziamenti.

Segreterie nazionali

Fim, Fiom, Uilm, Failms

Scarica PDF Comunicato

Il lavoro è un momento di grandi relazioni e contatto con tante persone.
Prestiamo tutti, anche noi sindacalisti, attenzione ad alcuni accorgimenti.
La crisi del 2008 ci ha fatto perdere il 25% del tessuto industriale senza successivi, rilevanti, effetti compensativi; questa emergenza sanitaria determinerà una ulteriore contrazione di capacità produttiva e perdite di 650 miliardi di euro secondo le stime del Cerved.
Scarica Piano

Agenda

Speciale 15^ Assemblea Organizzativa Nazionale FIM CISL

Speciale Assemblea Nazionale

INFORMATIVA COMPLETA ISCRITTI
Iscriviti a channel Telegram FIM Cisl⁠⁠